Riserva Naturale Regionale Sentina

... paesaggio di acque e sabbia

Riserva Naturale
Regionale Sentina
... paesaggio di
acque e sabbia

La Spatola alla Sentina: un interessantissimo caso di monitoraggio


Domenica 03 marzo 2018, durante la sessione di inanellamento del progetto MonITring in corso, è stato avvistato un gruppetto di quattro Spatole che erano ferme a rifocillarsi e riposarsi sui campi agricoli allagati della Riserva; una era inanellata. Il dato di ricattura, il sedicesimo della sua vita, ha svelato la sua interessantissima storia.

Inanellata a Vojvodina in Serbia il 29 maggio 2011 al nido, la prima rilettura è avvenuta a Guellala (Ras Lahmar) in Tunisia nell’inverno 2013 e poi a gennaio 2014. A Szeged, Fehértó in Ungheria è stata riavvistata durante il mese di agosto 2014. Ripartita per le aree di svernamento è stata nuovamente ricontattata il 11 ottobre 2014 a Ras Lahmar, Tunisia. Il 28 marzo 2015 sosta a Neretva mouth in Croazia e la successiva rilettura il 23 agosto 2015 a Mórahalom in Ungheria; località dove probabilmente trascorre tutte le stagioni estive. Anche il 23 agosto 2016 e il 21 agosto 2017 e stata ricatturata nella medesima località. L’ultima rilettura, di questo esemplare di otto anni, è quella della sentina il 03 marzo 2018 in un momento sicuramente di passo verso i siti di riproduzione. 1.537 km tra il sito di riproduzione e quello di svernamento con, adesso anche documentata, soste in Italia. I siti definiti di stop-over per l’avifauna svolgono un ruolo importantissimo per le specie migratrici; la Spatola è specie di Interesse Comunitario tutelata dalla Direttiva 2009-147-CE, inserita nell’allegato I (Art. 4 Specie per cui sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l’habitat, per garantire la sopravvivenza e la riproduzione di dette specie nella loro area di distribuzione.) La Riserva, ancora una volta, dimostra la sua rilevante funzione. Ma i campi coltivati della Sentina, per essere veramente funzionali, necessitano di una diversa e più mirata gestione, affinché la ricchezza ecosistemica per tutta la collettività, non solo europea, possa integrarsi con la redditività del singolo imprenditore agricolo.

 

scritto il 08/03/2018 alle ore 09:11:04 da redazione in monitoraggio avifauna


« Torna alle notizie